Posts Tagged ‘Corriere della Sera’

Gli analista di sta cippa

10 novembre 2016

Come faccio a non vantarmi del fatto che avevo ragione? E infatti lo faccio.

La cosa bellissima però è che anche Pigi Battista mi dia ragione in pieno. Sembra quasi che abbia letto il mio blog (magari lo fa per davvero).

Non ho e non mai avuto una grande stima per lui, ma devo dargli atto di essere uno dei pochi giornalisti italiani che adesso ha avuto il coraggio di fare autocritica.

Il commento alle elezioni americane comincia con una bella presa di coscienza:

[…] Non era prevedibile una tale concentrazione di sondaggi farlocchi, di previsioni fallaci, di analisi sballate, di certezze finite in frantumi, di ironie controproducenti, di teoremi infondati, di desideri scambiati per realtà. Risultato straordinario di strafalcioni e deduzioni semplicistiche. Si era detto. Meglio: avevano detto. Meglio ancora: avevamo detto, tutti noi dei giornali e dei media.

E continua poi con l’auto “j’accuse”. Un “je m’accuse”, si potrebbe chiamare:

Non ne hanno, non ne abbiamo azzeccata uno, sulle donne, sui neri, sui latinos, sui repubblicani dissidenti, eppure ci si stupisce, come se la realtà avesse fatto un dispetto agli «analisti» — non adeguandosi alle loro ingiunzioni e alle loro previsioni. Analisi. O meglio: tifo. Tifo accecante, almeno stavolta.

Battista è poi d’accordo con me anche riguardo “gli analisti”, quelli che io senza mezzi termini avevo definito “le élite americane e italiane che hanno in comune il fatto di aver perso completamente contatto con la realtà della gente comune”.

Gli «analisti». E cioè, chi sarebbero, che titoli hanno, dove si è formata la loro sicumera: nelle aule universitarie, o nelle cattedre del sentito dire, o in qualche bistrot con un bicchierino come ausilio per la dissertazione chic? E le fonti degli «analisti» dove si trovano? Difficile da dire. Però facile da immaginare che siano persone che frequentano gli stessi ambienti, hanno gli stessi tic, parlano lo stesso linguaggio. E che perciò sono incapaci di captare il linguaggio di chi sta fuori, di chi sta lontano e che dunque vota in modo bizzarro e imprevedibile.

Per una volta: chapeau a Pigi Battista.

25 giugno – Buon Natale dal Corriere!

26 giugno 2015

Vabbè, questa veramente le supera tutte. Più degli alberi di Natale a metà novembre, più delle pubblicità Ikea a ottobre.

Il Corriere anticipa tutti e scrive un bel pezzo sul Natale ben SEI MESI prima.

Basito.

Natale Corriere

Assolutamente un mito!

14 marzo 2015

Un uomo scopre che la donna con cui è sposato da 7 anni in realtà gli mette le corna con tutti. E allora che fa? Compra una pagina intera del più importante quotidiano nazionale e spiattella i tradimenti della moglie a tutta Italia.

Ha aperto anche un profilo Facebook apposito, per chi volesse continuare a seguire la vicenda.

Non so chi tu sia, ma sei un grande!

Corriere della Sera, pag. 24 - 13 marzo 2015

Corriere della Sera, pag. 24 – 13 marzo 2015 (clicca per ingrandire)

 

PS- Si tratta in realtà della pubblicità del programma “Alta Infedeltà” che andrà in onda su Real Time. Che si può dire: una bella trovata pubblicitaria!

Editoria in crisi

14 febbraio 2015

A proposito di quello che dicevo un po’ di tempo fa… e che a quanto pare non sono l’unico a pensare:

paolo madron

Corriere.it

3 aprile 2014
corriere

Corriere.it – giovedì 3 aprile 2014 – ore 11,15

Allo zoo

4 novembre 2013

corriere

Pigi Battista, giornalista molto amato e imparziale

27 Maggio 2013

Pierluigi Battista è uno dei più noti giornalisti italiani, affermato editorialista del Corriere della Sera.

Di lui non ho mai avuto una buona opinione. Penso che faccia parte di quella casta dei giornalisti di cui ho già parlato e ogni volta che lo leggo o lo sento parlare, mi viene da pensare che viva in un mondo tutto suo, scollegato dalla realtà.

Succede che qualche giorno fa i parlamentari del Movimento 5 Stelle lo accusano duramente sul blog di Beppe Grillo, dicendogli in pratica di essere in malafede e di scrivere il falso:

Come si può in questo Paese davvero credere nella professionalità e nell’imparzialità dei giornalisti se a due giorni dalle elezioni un noto editorialista del Corriere della Sera, Pierluigi Battista, scrive menzogne sapendo probabilmente di mentire.

Battista aveva criticato aspramente in grillini perché secondo lui si occupano di questioni di poco conto come diaria, rimborsi e sciocchezze simili, mentre il Paese affonda. “Non fanno che parlare di «streaming» – scrive l’editorialista del Corriere – stanno sempre a discutere sul blog della casa, si controllano l’un l’altro con uno zelo sconosciuto persino nei vecchi partiti centralizzati, istruiscono processi a chi ha osato recarsi a una trasmissione tv sgradita al Capo, usano in forme maniacali la parola «rendicontazione»: non che la rendicontazione non sia importante ma non può nemmeno essere il principio e la fine di ogni interesse”.

Scontata quindi la risposta piccata dei parlamentari: (more…)

La tempestività del Corriere

11 febbraio 2013

corriere papa

Potere ai giovani!

28 marzo 2012

Dall’intervista di Fabrizio Roncone a Emilio Fede sul Corriere della Sera di oggi 28 marzo:

«Sai, io gli ho detto: fatemi arrivare all’autunno, poi vi lascio il Tg4 e mi candido alla Camera con il Pdl, perché con Berlusconi sono già d’accordo…».

(more…)

Il cervello Zigulì

5 gennaio 2012

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Massimiliano Verga ha scritto un libro che sarà uno choc per molti. “Zigulì. La mia vita dolceamara con un figlio disabile“. Un libro che racconta senza peli sulla lingua e senza inutili buonismi cosa vuol dire essere genitori di un figlio che ha il cervello come una caramella. Una Zigulì, appunto.

Questo che riporto è un articolo di Elvira Serra per il Corriere della Sera del 4 gennaio 2012

———————————————————————

«Se Moreno potesse leggere o capire quello che ho scritto, avrebbe tutto il diritto di incazzarsi con me. Ma, per mia fortuna, non può leggere, perché è cieco. E neppure capire, perché la Zigulì che ha sotto i capelli gli consente di riconoscere soltanto le tre parole che servono per sopravvivere: pappa, acqua, nanna. Insomma, uno dei vantaggi di avere un figlio handicappato è che puoi permetterti di essere un idiota e di trattarlo anche male. E io mi concedo spesso questo vizio».

(more…)