Palestina: gelo diplomatico tra Svezia e Israele

di Valerio Pierantozzi per EastJournal

STOCCOLMA – È scoppiata la crisi diplomatica fra Israele e Svezia, a causa del riconoscimento di quest’ultima della Palestina come Stato. Una “crisi” tutt’altro che improvvisa. Già agli inizi di ottobre infatti il neo primo ministro scandinavo Stefan Löfven, leader socialdemocratico e a capo di una coalizione di governo con i Verdi, aveva annunciato l’intenzione di dare uno “status” ufficiale alla Palestina.

La decisione

La Svezia è il terzo Paese dell’Europa occidentale ad avere ufficialmente riconosciuto la Palestina dopo Malta e Cipro, ma è il primo che lo fa da membro dell’Unione Europea.
“Il nostro riconoscimento è un contributo a un futuro migliore per una regione che per troppo tempo è stata segnata da distruzione, frustrazione e negoziati interrotti”, ha detto il ministro degli Esteri svedese Margot Wallström dalle pagine del quotidiano Dagens Nyheter. “Il Governo crede che ci siano tutti i criteri internazionali per il riconoscimento: c’è un territorio, sebbene con confini non definiti; c’è un popolo; e c’è un governo con capacità di controllo interno ed esterno”.

Ma quest’ultima è una mezza verità e il ministro lo sa molto bene. “È vero che l’Autorità Palestinese non ha il pieno controllo del territorio – spiega Wallström – ma la Svezia ha già riconosciuto Stati in passato (la Croazia nel 1992 e il Kosovo nel 2008) anche se questi avevano parti del territorio che sfuggivano al loro pieno comando”.

“Il riconoscimento comporta anche grandi responsabilità. Faremo richieste molto chiare alla Palestina, così come le facciamo ad Israele. Ciò comprende il combattere la corruzione, il rispetto dei diritti civili e politici, aumentare l’influenza delle donne [nella società]”.

E per concludere, il ministro degli Esteri Wallström lancia una stoccata agli alleati americani, che già un mese fa dopo le prime dichiarazioni di Löfven avevano parlato di “annuncio prematuro”: “Ci saranno quelli che polemizzeranno dicendo che la decisione di oggi sia prematura. Tutt’altro: io temo che sia tardiva”.

Le reazioni

Com’era prevedibile, la decisione svedese ha riscosso grande consenso da parte delle autorità palestinesi. “È un passo storico e coraggioso”, ha detto il presidente palestinese Abu Mazen. Anche la Lega Araba ha elogiato il governo Löfven, affermando di aver compiuto un gesto importante verso il riconoscimento dei “diritti legittimi del popolo palestinese”. Ancora più esplicito Saeb Erekat capo negoziatore dell’Olp – Organizzazione per la Liberazione della Palestina. La Svezia, a suo giudizio, “ha mandato a dire agli israeliani che la politica di colonizzazione è vana” e che essi non possono vietare “il diritto inalienabile dei palestinesi alla libertà” e all’autodeterminazione.

Dall’altro lato del “confine”, se già dopo la prima dichiarazione d’intenti da parte del governo di Stoccolma Avigdor Lieberman, ministro degli Esteri israeliano, aveva convocato l’ambasciatore svedese Carl Magnus Nesser per protestare, stavolta si è stati molto più decisi. L’ambasciatore israeliano in Svezia Yitzhak Bachman, infatti, è stato richiamato con urgenza in patria “per consultazioni” e vi rimarrà fino a nuovo ordine. Ma non è tutto: Lieberman, leader del partito di destra Israel Beytenu e considerato uno dei falchi del governo Netanyahu, starebbe meditando di rimuovere l’ambasciatore dal paese scandinavo in modo definitivo. Una decisione che ridurrebbe ai minimi termini i rapporti tra i due stati.

Ma la risposta diplomatica di Israele non ha scosso più di tanto il governo scandinavo. “Non c’è bisogno di drammatizzare”, ha dichiarato Stefan Löfven al quotidiano Aftonbladet. “Sapevamo fin dall’inizio che Israele avrebbe criticato la nostra decisione. Ho rispetto per le loro critiche, ma al tempo stesso voglio essere chiaro: la nostra decisione è quella giusta”.

Continua su EastJournal.net

Tag: , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: