Bukowski, l’Irregolare

Francesco Maria Del Vigo intervista per il Giornale Roberto Alfatti Appetiti, che ha appena pubblicato il libro Tutti dicono che sono un bastardo. Vita di Charles Bukowski (edizioni Bietti). Ne esce fuori un quadro dello scrittore americano fuori dai soliti canoni letterari.

———————————————————————-

[…]

Era un irregolare puro.
“Non era uno che strillava contro il sistema con la speranza di essere cooptato. Anche quando diventa un vip, rimane comunque il solitario di un tempo e continua a denunciare l’ipocrisia della società letteraria, marcando la siderale distanza dai salotti che contano. Ed è una cosa rara, se non unica. Perché spesso gli irregolari sono tali solo a tempo determinato, nella misura in cui essere contro è utile per conquistare un posto al sole e godere di una rendita di posizione, fosse anche di finta opposizione. Bukowski, invece, non faceva desistenze neppure con chi poteva avere i suoi stessi nemici. Non ha fatto niente che potesse facilitarlo. Basti pensare al pacifismo: lui era contro la guerra ma non ha goduto dei vantaggi di cui avrebbe potuto avvantaggiarsi uno scrittore pacifista. Perché era anche contro i pacifisti e ci teneva a farlo sapere”.

E in Italia c’è stato qualcuno un po’ come lui, nel suo solco di intellettuale irregolare e rigorosamente disorganico?
“Mi vengono in mentre tre personaggi che, non solo anagraficamente, possono essere accostabili a Bukowski. Luciano Bianciardi, altro non irreggimentabile, ribelle controvoglia, indisponibile a farsi arrabbiato di professione tanto era disinteressato al successo, al punto da dire che, per lui, successo era solamente il participio passato del verbo succedere. Giancarlo Fusco, poi, ne aveva anche la fisicità e il modus vivendi: l’aspetto poco raccomandabile, la trascuratezza nell’abbigliamento, la passione per il pugilato, l’alcol e le notti di baldorie. E poi, non ultimo, Nino Longobardi, che nutriva lo stesso irriducibile fastidio per gli opportunisti, per chi saltava sul carro dei vincitori improvvisandosi portavoce delle sorti magnifiche e progressive. Tutti e tre finirono nel mirino del partito comunista come renitenti. Tutti e tre hanno avuto vite brevi e difficili, ignorati o mal sopportati in vita e frettolosamente dimenticati”.

leggi l’intervista completa cliccando qui

 

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “Bukowski, l’Irregolare”

  1. Misterkappa Says:

    Bel post, mi piace! :)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: