Ma anche viceversa (sulla condanna alla commissione Grandi Rischi)

L’Aquila – estate 2009

Tanto per intenderci.

Oggi il giudice del Tribunale dell’Aquila Marco Billi ha condannato in primo grado a sei anni di reclusione i sette imputati che facevano parte della commissione Grandi Rischi: Franco Barberi, Bernardo De Bernardinis, Enzo Boschi, Giulio Selvaggi, Gian Michele Calvi, Claudio Eva e Mauro Dolce.

Sono stati giudicati colpevoli di lesioni colpose e omicidio colposo plurimo.

Su alcuni telegiornali ho già sentito degli abomini comunicativi o veri e propri falsi, del tipo che “i sette imputati sono stati condannati per non aver previsto il terremoto”.

Ma non è così: la commissione è stata dichiarata colpevole perché diede informazioni carenti o contraddittorie sul rischio sismico nella zona e per aver fornito rassicurazioni alla popolazione aquilana in una riunione avvenuta solo una settimana prima del sisma del 6 aprile 2009. Che è una cosa ben diversa.

Perché è vero che non si possono prevedere i terremoti e che quindi non si potevano avvertire gli aquilani dicendo loro con certezza scientifica che sarebbe arrivata una scossa fortissima a distruggere la loro città e le loro vite. Ma è vero anche il contrario: cioè che non si possono prevedere i terremoti e che quindi non si può stabilire con certezza anche che NON avverranno.

Quindi, se è vero che la commissione non poteva dire agli aquilani che stava arrivando un terremoto, perché – come ha dichiarato – non c’era “nessun motivo per cui si possa dire che una sequenza di scosse di bassa magnitudo possa essere considerata precursore di un forte evento”; è vero anche il contrario: cioè che non c’era motivo scientifico per dire agli aquilani di stare tranquilli in casa perché era tutto nella norma, come hanno fatto.

Perché, a quanto pare, non era affatto tutto nella norma.

Tag: , , , , , , , ,

5 Risposte to “Ma anche viceversa (sulla condanna alla commissione Grandi Rischi)”

  1. Marcolinorules Says:

    Ah, ecco. Non sono l’unico pazzo a pensarla così

  2. Gaetano Veninata Says:

    la sentenza è comunque esagerata, tipica di un Paese intriso di giustizialismo

  3. Gaetano Veninata Says:

    http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/tanti-errori-sul-terremoto-dellaquila

  4. Ancora sulla condanna della commissione Grandi Rischi « Says:

    […] duole tornare sopra questa cosa, perché rischia di diventare stucchevole. Ma continuo a sentire politici e […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: