Cosa succede in Siria/7

Sui giornali e sui media principali arrivano notizie sempre più preoccupanti dalla Siria, dove sarebbe in atto una vera guerra civile.

Spesso però i reportage si fanno sottolineando solo le repressioni del regime di Assad ed evitando accuratamente invece le stragi che avvengono anche per mano dei cosiddetti “ribelli”. Anche quando si fa la conta dei morti e si raccontano di attacchi contro civili, si evita sempre di dire da quale parte provengono questi attacchi, facendo così credere che siano sempre colpa del governo.

E la pressione internazionale per intervenire – come successo già in Libia – si fa sempre più forte. Anche la Lega araba pare essersi messa contro Assad anche perché è guidata da due Stati nemici del governo siriano (Qatar e Arabia Saudita) che fanno di tutto per accelerare il cambio di regime. Infatti hanno mandato una commissione in Siria fra dicembre e gennaio scorsi per capire cosa succede davvero in Siria. Ma siccome la relazione degli osservatori non è stata di loro gradimento, non è stata molto pubblicizzata.

Gli osservatori erano stati suddivisi in 15 zone per controllare 20 tra città e distretti in tutta la Siria. Sono andati ovviamente anche ad Homs, dove hanno constatato gli scontri fra i ribelli (circa 3000 persone, secondo gli osservatori) e l’esercito di Assad. Una situazione simile è stata riscontrata anche ad Hama. In queste due città hanno registrato atti di violenza da parte dell’esercito.

In Latakia e Deir Al-Zor la popolazione era nettamente dalla parte del governo ufficiale, tanto che i rappresentanti della Lega Araba sono stati aggrediti perché accusati di voler rovesciare il regime.

Guarda un po’, però, la violenza è arrivata anche dalla “opposizione siriana”.

Dice il rapporto:

A Dera’a e Homs, la Missione ha visto gruppi armati commettere atti di violenza contro le forze governative, causando morti e feriti nelle loro file. In certe situazioni, le forze governative hanno risposto agli attacchi condotti con forza contro di loro. Gli osservatori hanno notato che alcuni dei gruppi armati stavano usando razzi e proiettili perforanti.

A Homs, Hama e Idlib, le missioni degli osservatori hanno assistito ad atti di violenza commessi contro Forze governative e civili, che hanno causato diversi morti e feriti. Esempi di tali atti includono il bombardamento di un autobus di civili, che ha ucciso otto persone e ferito altri, tra cui donne e bambini, e il bombardamento di un treno che trasportava gasolio. In un altro incidente a Homs, un autobus della polizia è stato fatto saltare in aria, uccidendo due ufficiali di polizia. Sono stati bombardati anche una conduttura di carburante e alcuni piccoli ponti.

E poi le immancabili notizie false che non mancano mai in queste occasioni:

La Missione ha osservato che molti partiti hanno riferito falsamente di esplosioni o di violenze si erano verificate in diverse località. Quando gli osservatori sono andati in quei luoghi, hanno scoperto che quei rapporti erano infondati.
La Missione ha inoltre osservato che, secondo le squadre in campo, i media hanno esagerato la natura degli incidenti, il numero di persone uccise in incidenti e le proteste in alcune città.

Fece scalpore tempo fa la notizia dell’uccisione di un giornalista francese a Homs. Non venne specificato però da chi era stato ucciso. Dice il rapporto al riguardo: “Si può notare nelle relazioni della Missione da Homs, che il giornalista francese è stato ucciso da una bomba da mortaio dell’esercito dell’opposizione”.

Il documento ufficiale in inglese degli osservatori della Lega Araba si può leggere cliccando qui.

Qui invece si può leggere una traduzione in italiano a cura di Peacelink

Tag: , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “Cosa succede in Siria/7”

  1. Andrea Danton Says:

    L”IMPERO DEL MALE USA vogliono conquistare tutto il mondo ancora LIBERO !
    La Siria è un paese LIbero che non ha un governo fantoccio FILO-USA .
    In Siria è stato scoperto di recente il petrolio !
    Presumo che succeda quello che già è accaduto in Libia 1 anno fà !
    Gli USA hanno mandato nella Libia di Gheddafi dei mercenari e dei terroristi super -armati che hanno attaccato le forze di polizia e militari libiche inscenando una finta rivoluzione popolare spontanea del popolo libico l !
    L”impero del male USA con l”aiuto dei paesi satelliti ha accusato il governo libico di Gheddafi di massacrare il popolo libico .
    Con questa scusa gli USA e la Nato hanno bombardato a tappeto tutte le installazioni militari di Gheddafi !
    Gli USA e la NATO hanno selvaggiamente bombardato i civili libici di tutte le città e di tutti i paesi che erano favorevoli al governo di Gheddafi e non appoggiavano i finti ribelli USA .
    Gli USA e la Nato hanno ucciso Gheddafi hanno massacrato migliaia di civili libici che appoggiavano Gheddafi e il suo governo hanno massacrato è ucciso le forze governative regolari libiche.
    Hanno permesso ai finti “ribelli” Libici di fare crimini di guerra è massacri .
    Gli USA e la Nato hanno messo su in Libia un governo fantoccio Filo-USA e ora RUBANO E RAPINANO IL PETROLIO LIBICO !
    Nel frattempo il LIBIA IL POPOLO MUORE DI FAME E SUBISCE ANGHERIE DA PARTE DEI FINTI RIBELLI !
    In Siria gli USA & C VOGLIONO RIPETERE lo stesso copione usato per INVADERE LA LIBIA DI GHEDDAFI !

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: