L’oro contro il sangue

A Casale Monferrato, in provincia di Alessandria, c’era una grande fabbrica che dava lavoro a molti abitanti della città. Era la Eternit, produttrice dell’omonimo tipo di cemento.

Con il tempo si è scoperto che l’Eternit è gravemente dannoso per la salute, poiché provoca una forma di tumore chiamata mesotelioma. A Casale, in particolare, la fabbrica ha provocato migliaia di malati (e di morti) in questi decenni, in quanto la fabbrica disperdeva le polveri in tutta la città usando degli aeratori. Si parla di 1700 morti, di cui la metà non lavorava in azienda.

C’è attualmente un processo in corso a Torino che vede imputati i responsabili della fabbrica. Il Comune di Casale Monferrato si era costituito parte civile. “Si era”: perché adesso non lo è più. Abbiamo qualche giorno fa finalmente scoperto che anche le vite umane e le malattie hanno un prezzo. La morte ha un prezzo.

La morte di 1700 persone vale 18,3 milioni di euro. Tanto  infatti sborserà Stephan Schmidheiny, principale imputato del processo in corso a Torino, al comune piemontese in cambio del ritiro dal processo come parte civile.

Il sindaco Giorgio Demezzi ha accettato. Certo, ha dichiarato che investirà il denaro in bonifica dei terreni e in ricerca contro il mesotelioma. Ma riguardo un possibile accordo finanziario, aveva anche dichiarato nel giugno scorso (quindi solo sei mesi fa) che “a Casale certe proposte non potrebbero nemmeno essere prese in considerazione”.

Come dice Matteo Zola, giornalista di Casale, sarebbe forse il caso di chiedersi se pecunia olet qualche volta. Perché “quand’anche fossero meritoriamente spesi, quei soldi resteranno i soldi dell’avidità che vince sulla dignità”.

Qui trovate l’ottimo articolo di Matteo Zola.

Qui invece un video con un breve riassunto della vicenda.

Tag: , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: