Se il Bunga Bunga diventa un brand

In un periodo in cui l’economia non gira e gli stati sono in crisi, l’Italia riesce ancora a primeggiare nelle esportazioni.

Peccato trattasi delle esportazioni di Bunga Bunga!

All’estero il famoso marchio di fabbrica delle serate berlusconiane diventa un modo di dire. Lo Spiegel International, infatti, lo riprende parlando di uno scandalo sessuale che ha coinvolto una compagnia assicurativa in quel di Budapest.

Insomma, proprio come i famosi stilisti italiani che si affermano nel mondo, il Berluska ha lanciato una moda!

Tag: , , ,

2 Risposte to “Se il Bunga Bunga diventa un brand”

  1. l'irregolato Says:

    checchè se ne dica simao sempre troppo avanti …… e siamo governati da un genio del marketing uahauhauahauhaauha, anzi sai che ti dico???? domani vado a registrare il marchio

  2. Bye bye Bunga Bunga « Says:

    […] Spiegel International continua a farsi beffe di […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: