…preferisco il rumore del mare…

Sul lungomare di San Benedetto del Tronto c’è questa opera di Ugo Nespolo.

Il “monumento di parole” si ispira a un verso del poeta Dino Campana che recita: “Fabbricare, fabbricare, fabbricare, preferisco il rumore del mare che dice fabbricare, fare, disfare”.

Alla base dell’opera dell’artista torinese è stata posta una targa con la quale lo stesso Nespolo dà una spiegazione del suo lavoro.

Il lavoro nobilita l’uomo, ma quando il lavoro diventa lavoro & lavoro & lavoro, l’uomo viene schiacciato. E non sempre dal bisogno, ma spesso dall’avidità, dall’invidia, dal desiderio, da finte necessità che ci fanno trascurare i doni più belli che gratuitamente ci circondano. Il mare, così, vuole significare tutto ciò che di grande e generoso ci circonda ed è un invito per tutti a non dimenticare i doni di Dio che in ogni istante ci vengono offerti.

Tag: , , , , ,

2 Risposte to “…preferisco il rumore del mare…”

  1. l'irregolato Says:

    Il lavoro rende l’uomo libero!

  2. a Says:

    avercelo, un lavoro

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: