Afghanistan e politica estera italiana

Un grandissimo Sergio Romano fa un pò di chiarezza sulla nostra missione in Afghanistan e sulla solita solfa secondo cui “l’Italia ripudia la guerra”.

—————————————————————————

Non è vero che l’Italia abbia ripudiato tutte le guerre. Con l’articolo 11 della sua Costituzione, l’Italia «ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà di altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali ». Se lo volesse, il governo potrebbe replicare che non stiamo offendendo la libertà degli afghani (ben altrimenti offesa dai talebani durante il loro regime) e che il tentativo americano di comporre la vertenza politicamente, dopo l’11 settembre, quando chiesero a Kabul di cacciare Osama Bin Laden dal Paese, si scontrò con il rifiuto del regime. Non basta. Il governo, se lo volesse, potrebbe ricordare agli italiani che nell’ottobre del 2001, dopo l’attacco alle torri gemelle, un consiglio straordinario della Nato ritenne che la situazione giustificasse l’applicazione dell’articolo 5 del Patto Atlantico, dove è detto che l’attacco armato contro un membro obbliga gli altri a intervenire in suo aiuto.

Se la guerra che si combatte oggi in Afghanistan è la continuazione di quella che George W. Bush lasciò incompiuta dopo l’invasione dell’ottobre 2001, il governo può sostenere, se lo vuole, che l’Italia sta semplicemente rispettando i termini di un trattato internazionale, allora accettato dalla maggioranza del Parlamento. Il governo potrebbe, se lo volesse. Ma dopo la dissennata guerra all’Iraq del marzo 2003 preferisce conformarsi all’interpretazione dell’articolo 11 che prevale da allora nella società italiana.

Il risultato, come è stato ricordato sul Corriere da Franco Venturini, è la insopportabile dose di ipocrisia che affligge il discorso pubblico sull’Afghanistan. Il nostro contingente è stato inviato in un Paese dove si combatte, i nostri soldati sono considerati nemici dalla guerriglia talebana e devono comportarsi di conseguenza. Ma la «correttezza politica» vuole che la missione sia definita «di pace». Come se fosse possibile fare la pace in un Paese dove, per il momento, occorrerebbe anzitutto terminare la guerra.

Pubblicata sul Corriere della Sera del 20 ottobre in risposta alla lettera di un lettore.

Tag: , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: